Terremoto in Cile per la maglia rossa della Seleccion

Polemiche per la nuova divisa de La Roja varata per i Mondiali.

Non pensavo che una maglia di calcio potesse scatenare tanta attenzione. Ma sono rimasto sorpreso leggendo le polemiche scoppiate in Cile dopo la presentazione della nuova divisa per i Mondiali di giugno. Presentata anche su CNN Chile.

Sui blog e sui forum si discute di tre punti fondamentali per i fan della Roja: lo sponsor tecnico di poco peso internazionale, il contratto firmato dalla federcalcio cilena della durata di 15 anni e il problema dello “scudo”.

Tralasciando i primi due punti della discussione – ma ricordo che anche la Figc dopo il fallimentare Mondiale in Giappone e Corea del 2002 firmò un contratto XL con una delle tre sorelle per non perdere “peso internazione” – mi concentro sul terzo.

Lo “scudo” è il simbolo del Cile, che di solito viene posizionato sul petto all’altezza del cuore. Con la nuova maglia è stato sostituito da un logo della federazione: un ovale che racchiude i colori della bandiera nazionale.

Nella tradizione invece ci dovrebbe essere uno scudo bicolore rossoblu con stella bianca nel centro. A furor di popolo è stato inserito dal produttore sulla manica destra. Ma non basta.

Tra i tifosi cileni c’è chi è pronto a giurare che la squadra giocherà un brutto Mondiale per via di una maglia anonima e che rompe con le tradizioni. Altri sostengono che giocare un pessimo Mondiale sia la soluzione migliore per “rompere” il contratto.

Due le curiosità, a mio parere, dopo avere letto le polemiche: il soprannome della nazionale cilena è “El Equipo de Todos” (la squadra di tutti) mentre la federcalcio locale è stata fondata il 19 giugno 1895 a Valparaiso.


In 115 anni ha cambiato tre volte i colori della squadra nazionale. Debutto ai Mondiale nel 1930 con maglia bianca e pantaloncio blu. Poi dal 1941 al 1947 maglia rossa, pantaloncino bianco e calzettone blu. Dal 1948 si è passati a maglia rossa, pantaloncino blu e calzettone bianco.

Nulla di nuovo sotto il sole del Cile. Che ha tifosi calorosi e attenti alle tradizioni e al look. Due punti che altri produttori hanno tenuto ben presente nel confezionare divise in stile retrò per non spezzare i legami con i sostenitori.

Annunci

, , , , , , ,

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: