In ristampa le maglie crociate del Vasco da Gama

Spunta uno sponsor arabo. E cosa fanno i “templari” di Rio? Tatuaggi.

Ne avevamo parlato qualche giorno fa e l’argomento è sempre sulle prime pagine dei giornali brasiliani. Ma anche in Italia la notizia è stata ripresa dall’Ansa.

“La croce dei Templari diventa una maglia da calcio. Succede a Rio de Janeiro, dove e’ il Vasco da Gama ad adottare il simbolo originariamente usato dall’Ordine dei Templari e poi passato all’Ordine di Cristo che finanziava i grandi navigatori portoghesi della fine del XV secolo (e per questo le croci finivano sulle vele delle caravelle), come Ferdinando Magellano e Vasco da Gama appunto. A scegliere la croce  e’ stato un referendum fra la tifoseria, interrogata dal club su quale dovesse essere l’elemento caratterizzante della terza maglia. Non estraneo al grande successo di questa iniziativa e’ stato il fatto che il Vasco da Gama nacque come squadra proprio della folta comunita’ di discendenti di portoghesi residenti a Rio”.

Una maglia che piace ai tifosi e che sta ottenendo un buon successo di vendite (anche se è identica a quella del centenario dell’Inter). E il Vasco da Gama propone ai tifosi una campagna di marketing senza precedenti: “Vasco sulla pelle”. chi si farà tatuare sul corpo il simbolo degli antichi monaci-guerrieri riceverà in regalo dal club la nuova casacca. La campagna comincerà il 9 aprile alle 13 ora brasiliana, e l’obiettivo è quello di battere il record mondiale di tatuaggi fatti in un singolo giorno, che è di 801.

Ma secondo l’Ansa c’è un altro e ulteriore problema: il ritorno sulle maglie dello sponsor Habib’s, un fast food arabo.

“E per l’immediato futuro, il Vasco dovra’ ristampare le nuove divise col il simbolo dello sponsor Habib’s, una catena di ristoranti arabi molto apprezzati in Brasile, cosi’ che ‘baffuto’ arabo e croce Templare facciano coppia sulla terza maglia della squadra. La dirigenza del club carioca aveva infatti rescisso il contratto ritenendo troppo bassa la cifra pagata dallo sponsor, ma la Habib’s si era rivolta in tribunale, che oggi ha dato ragione al ricorrente, stabilendo che il Vasco dovra’ ristampare il logo del patrocinatore, come da accordi precedenti”.

Annunci

, , , , , ,

  1. #1 di Luke Sky il 2 aprile 2010 - 12:34

    La crociata dell’Inter allora è copiata da quella del Parma cambiando il colore. Suvvia, solo per la croce non si può dire che è una copia, basta insistere su questo punto.

    L’Inter l’ha presa dal simbolo di Milano.
    Il Vasco dallo stemma societario.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: