Calcio, gli sponsor di maglia fanno sempre più ricchi i club d’Europa (ma non più in Italia)


La Serie A è terza, ma in affanno.

Pubblicati i dati del Jersey Report di Sport + Markt 2010/11. Mi capita di leggere un po’ ovunque commenti negativi sulla situazione della nostra Serie A. Il campionato italiano perde 8 milioni rispetto un anno fa e le sue maglie sono sempre meno ricche. La tendenza media europea è di una crescita del 18%. Avevamo già affrontato l’argomento con Marcel Vulpis di Sporteconomy. Perciò la notizia non mi sorprende. Anzi: siamo comunque il terzo massimo campionato in Europa per ricavi dagli sponsor di maglia. E questa mi sembra la notizia dalla quale partire.


In testa torna la Premier League inglese grazie a Manchester United e Liverpool che hanno appaltato la maglia a due colossi della finanza: Aon e Standard Charted rispettivamente assicurazioni e banca. I due club guadagnano 23,6 milioni di euro e trascinano tutto il campionato d’Oltremanica che fattura 128 milioni di euro globalmente. Al secondo posto la Bundesliga tedesca, che perde una posizione, con 118,5 milioni di euro di ricavi dagli sponsor: la Deutsche Telekom versa al Bayern Monaco 22 milioni. Poi ci siamo noi al terzo posto con la Serie A, ma la voce “incasso” crolla nettamente rispetto ai primi due: 65,9 milioni. L’anno scorso erano 74. I mancati incassi riguardano la Fiorentina che dopo l’accordo con Toyota ha deciso di ospitare Save the Children con una serie di iniziative benefiche a supporto della sponsorizzazione. Rimane senza sponsor – e questo è clamoroso – la Lazio capolista mentre la Juventus ha un doppio sponsor di maglia dopo trattative complicate con BetClic e Balocco (passando per Ryanair che ha rinunciato).


Ai piedi del podio rimane la Francia con la Ligue 1, che incassa 58,8 milioni di euro anche grazie alla liberalizzazione del mercato e all’apertura per i bookmaker come sponsor di maglia per le squadre. Si attende anche la Germania dove questo tipo di abbinamento commerciale è ancora vietato e che forse potrà incassare ancora di più da un’apertura del genere. Quarta piazza per la Spagna con la Liga, ma solo perché anche il Barcellona ha puntato da anni su Unicef e non incassa benefit economici dallo sponsor di maglia. Facendo due conti, visto che il Real Madrid ha un tesoretto di 23 milioni di euro versati da Bwin, gli spagnoli sarebbero davanti a noi in condizioni di sponsorizzazioni attive. Al quinto posto la Eredivisie olandese, che fattura 42 milioni e che è ancora di un livello troppo basso per competere con il resto d’Europa.


Soffia un vento di cambiamento in Europa – ha detto Hartmut Zastrow, numero uno di Sport+Markt -, il Vecchio continente rimane il mercato privilegiato per investire nelle sponsorizzazioni di maglia“. Per la Serie A si aspetta un cambio di marcia per quanto riguarda, a mio parere, due aspetti fondamentali: stop alla pirateria con i falsi in vendita fuori dagli stadi e tornare a valorizzare l’aspetto storico ed estetico delle maglie. Un lavoro di team tra le squadre e i designer degli sponsor tecnici. Ci vuole tempo, curiosità e coraggio. Tre aspetti che nell’Italia di oggi sembrano mancare sempre…

Annunci

, , , , , , ,

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: