Nfl, la maglia di Tim Tebow è la più venduta anche se lui è un panchinaro dei Broncos


Il rookie è però un idolo dei tifosi americani.

Sorpresa negli Usa Nella Top 25 della maglie più vendute dal sito Nfl.com c’è al comando quella di un rookie: Tim Tebow dei Denver Broncos. Nella classifica, che tiene conto delle vendite del periodo aprile/ottobre 2010, il quarterback è in testa e se chiuderà davanti a tutti la stagione sarà la prima matricola nella storia della Lega di football americano a sbancare il botteghino di vendita.  Al secondo posto c’è Drew Brees dei Saints e poi Troy Polamalu degli Steelers. Perde posizioni il chiacchierato Brett Favre dei Vikings, leggenda bipede della Nfl, che paga gli scandali sessuali degli ultimi mesi. Come anche Ben Roethlisberger degli Steelers, che era 11mo a marzo. Addirittura fuori dalla Top 25 il quarterback degli Eagles Michael Vick, che però credo farà un bel balzo avanti nella prossima rilevazione.


Come mai brilla la stella di Tim Tebow? E’ una domanda che lascia di stucco anche gli analisti della Nfl considerato il periodo di vendita. Il giocatore è stato scelto al Draft del 22 aprile 2010 con il numero 25 dai Broncos, che lo hanno prelevato dalla University of Florida dove ha vinto due campionati guidando il gioco dei Gators. Qualcuno ricorda che è finito agli onori della cronaca per le strisce nere sotto gli occhi con i versi della Bibbia (online l’elenco delle citazioni). Inoltre è stato protagonista di uno sport tv degli antiabortisti durante l’intervallo dell’ultimo Superbowl. Secondo i dati diffusi dall’ufficio di PR della NFL il 30% degli ordini della maglia numero 15 dei Broncos arrivano proprio dalla Florida.


Per ora ha giocato poco. E’ la filosofia del suo coach a Denver, che non lo vuole caricare di responsabilità in quanto rookie. Credo che il successo di Tebow sia dovuto a due fattori. Uno sportivo: è bravo e ha dimostrato al college di avere personalità e grinta per guidare i compagni alla vittoria. Poi c’è un aspetto extra sportivo che riguarda la sua figura di credente cattolico nato da una coppia di missionari laici. E’ anti aborto e protagonista di una storia drammatica finita con la sua nascita nonostante i medici avvessero consigliato alla madre di interrompere la gravidanza. Insomma, in un’America sempre più ferma su certi argomenti è diventato un simbolo. E lui recita la sua parte: nelle pre season in estate si è presentato con i capelli rasati da frate per “fare gruppo” con i nuovi compagni. E i tifosi hanno subito gradito mettendosi una parrucca per l’occasione. Il business delle maglie Nfl muove qualcosa come un miliardo di dollari l’anno (quasi 733 milioni di euro) ed è in crisi a causa della recessione. Una maglia da adulto, tasse comprese, costa oltre 60 euro. E l’anno prossimo ci saranno le nuove maglie Nike, che prende il posto dell’attuale fornitore Reebok: un motivo in più per tenere i soldi nel salvadanaio in attesa della prossima stagione. Ma non per Tim Tebow, a quanto pare…

Ti piace la Nfl? Leggi anche:

Nfl, un look autunnale per i Broncos: tutta Denver ha festeggiato l’Orange Sunday

Nfl, la maglia di Moss in cambio di un pasto da Tinucci’s: fan dei Vikings a pancia piena

Annunci

, , , , , ,

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: