Nba, appello ai tifosi di Cleveland: contro Miami vietate le maglie anti LeBron James


Ma i Cavaliers fanno polemica con il colletto.

2 dicembre 2010 Cleveland Cavaliers contro Miami Heat. LeBron James torna da avversario nella sua città e davanti al suo pubblico. Gente tradita dal suo show tv a luglio: il Prescelto su Espn decide di andare a giocare in Florida insieme a Wade e Bosh. LeBron vuole vincere, ma offende il popolo dell’Ohio con una delle peggiori performance televisive dello sport. Da quel giorno l’aria che si respira a Cleveland puzza di fumo e bruciato: sono i falò delle vanità con le maglie, le felpe e i poster di King James. Qualcuno ha cercato di spegnere le fiamme della polemica e promesso di spedire le vecchie divise ai senza tetto di Miami per far capire a LeBron il suo errore. Ma il giorno, con la G maiuscola, è arrivato.


Vade retro La dirigenza dei Cavs si sta organizzando con la sicurezza e la polizia affinché non ci siano problemi durante la partita: misure indispensabili per non finire sui telegiornali. Vietati simboli anti LeBron James come t-shirt e striscioni offensivi. Qualcuno le aveva anche preparate accostando la sua parabola di sportivo: “Si credeva Gesù […] è un traditore come Giuda”. “Vogliamo che come sempre i nostri tifosi siano carichi, facciano tanto rumore e sostengano la squadra — ha detto Tad Carper, PR dei Cavaliers –. Vogliamo che la gente si diverta e si esprima, ma non che superi i confini dell decenza. Non saremo per nulla tolleranti con chi oltrepasserà quei confini“.


In punta di fioretto Ma il vulcanico proprietario dei Cavs, Dan Gilbert, ci aveva già pensato in estate alla vendetta e adesso se la vuole gustare ghiacciata al punto giusto. La nuova divisa della squadra, oltre a un restyling minimo del logo, e dei colori storici c’è l’aggiunta di un pay off molto evocativo. Si parla di cavalieri e il motto della squadra è “Tutti per uno, uno per tutti”. Addirittura registrato come marchio di fabbrica. Citazione dai Tre Moschettieri di Alexandre Dumas padre. E per far capire che nessuno vale più della squadra. In fondo, anche questa è una maglia anti LeBron. E allora gli Heat rilanciano con la copertina di Sport Illustrated Kids con i Big Three di Miami vestiti di porpora e oro con cappello da cavalieri e il motto “Tutti per uno e vince per tutti”. Le premesse ci sono: adesso tocca allo sport.

Cleveland o Miami? Leggi anche:

Nba, sul calendario 2011 di Cleveland c’è ancora l’odiato LeBron con la maglia Cavs!

I fan di Cleveland mandano le vecchie maglie di LeBron ai senzatetto di Miami

Annunci

, , , , , ,

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: