Calcio, la rivoluzione francese di Nike stupisce: per i Bleus è tempo di grandeur


Accordo da 42,5 milioni l’anno. Ma che inizio!

Aspirare alla grandezza Quando si ha a che fare con i francesi si capisce che il loro proverbiale orgoglio nazionale pervade molti aspetti. Dalla politica allo sport fino alla gastronomia. Impossibile non aver discusso o litigato con un francese parlando di questi argomenti. Ho tifato Francia, nel calcio, due volte: in finale ai Mondiali del 1998 contro il Brasile insieme ai miei capi francesi di Tele+ (allora di proprietà Canal+) e nel 2006 sempre contro il Brasile a Strasburgo, per strada tra la gente, dove hanno addirittura avvolto la mia Clio blu nella bandiera tricolore francese mentre tornavo in albergo.


Buona la prima Ero curioso di vedere la nuova maglia de l’Equipe de France realizzata da Nike dopo 40 anni di partnership adidas. Sono rimasto stupito. Ha tutti i requisiti che, credo, una divisa da calcio debba avere nel 2010. Classica, ma realizzata con materiali d’avanguardia (96% polyester riciclato e 4% cotone biologico). Elegante, ma comoda come una t-shirt di lungo corso. Personalizzabile nei dettagli: il colletto, si può portare “alla Cantona” o in modo classico; le maniche possono essere risvoltate a piacimento visto che sono double face (blu fuori e rosse dentro). E i dettagli che fanno la differenza come lo scudetto termosaldato — uno scudetto che ricorda quelli Anni 50 con il fondo a parantesi graffa — e una fettuccia blu scuro che sui lati, da sotto la manica, scende sui pantaloncini come nello smoking.


Come nasce un prodotto così caratterizzato? Semplice: dalla storia di una Nazionale di calcio. L’ispirazione è quella delle divise sfoggiate nel 1958 nel Mondiale di Svezia, dove la Francia è arrivata terza. Con una spruzzata di mito come quello del “Liberté, Égalité, Fraternité”, ma senza retorica visto che il nuovo motto è “Nos Differences Nous Unissent” (le nostre differenze ci uniscono). Di notevole impatto anche la campagnia pubbliciataria che richiama alla Rivoluzione francese: “Vive le Football Libre”. Ricorda il lancio del disco Viva la Vida dei Coldplay, che avevano usato proprio un quadro di Delacroix per la loro copertina e lo stesso lettering della creatività Nike. In chiusura le parole del ct dei Blues Laurent Blanc: “Questa maglia rappresenta lo spirito dell’eleganza  francese riconosciuta in tutto il mondo e si abbina alla filosofia della squadra: creatività, umiltà e ambizione“. Non voglio infierire, ma credo che questi concetti valgano anche da questa parte delle Alpi visto che siamo conosciuti nel mondo per la nostra moda e per il calcio. Ma ci mancano clamorosamente momenti come quello offerto da Nike e dalla FFF e che per l’anniversario dei 150 anni dell’Unità d’Italia non ha sfiorato la creatività di Puma o della nostra Federcalcio (che ha pure “festeggiato” i 100 anni della maglia azzurra il 6 gennaio).

Ti piace il calcio internazionale? Leggi anche:

Francia, Olympique Marsiglia e soci: ecco come vestiranno i club della Ligue 1

Ecco la nuova maglia della Spagna campione del Mondo: con la stella d’oro e il badge Fifa

Annunci

, , , , , , ,

  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: